IL TFR NEL LAVORO DOMESTICO


Il tfr matura nella misura di circa una mensilità l’anno (retribuzione globale annua / 13,5).
Viene liquidato alla fine del rapporto oppure può essere richiesto anticipatamente dal lavoratore nella misura del 70% o in misura maggiore se concordato tra le parti. La legge prevede che l’anticipazione possa essere richiesta per:
-       Spese sanitarie;
-       Acquisto della prima casa per il lavoratore o per i suoi familiari;
-       Congedi di maternità e per la formazione.
La legge prevede che l’anticipazione possa essere chiesta, per ogni singola motivazione, una sola volta nella vigenza del rapporto ma, con il benestare del datore di lavoro, è possibile derogare al suddetto limite.


Nessun commento:

Posta un commento

Indennità per i lavoratori domestici

L’Articolo 85 del Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34 prevede un’indennità di 500,00 € al mese per i mesi di aprile e maggio 2020. L’in...