LO STIPENDIO NEL LAVORO DOMESTICO


Lo stipendio è composto dalle seguenti voci:
·         retribuzione minima contrattuale;
·         eventuali scatti di anzianità;
·         eventuale compenso sostitutivo di vitto e alloggio;
·         eventuale superminimo.

Il datore di lavoro, contestualmente alla corresponsione periodica della retribuzione, deve predisporre un prospetto paga in duplice copia, una per il lavoratore, firmata dal datore di lavoro, e l'altra per il datore di lavoro, firmata dal lavoratore.

Scatti anzianità
Spetta al lavoratore, per ogni biennio di servizio presso lo stesso datore di lavoro, un aumento del 4% sul valore della retribuzione minima contrattuale, per un massimo di sette scatti.

Nessun commento:

Posta un commento

Indennità per i lavoratori domestici

L’Articolo 85 del Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34 prevede un’indennità di 500,00 € al mese per i mesi di aprile e maggio 2020. L’in...